Crema pasticcera alla menta

Abbinamento per la crema: Cannellino di Frascati


Ultima ricetta del menù di Pasqua, un classico intramontabile. Il classico dessert che non si fa mai, al massimo per farcire un dolce, ma quando ce la ritroviamo davanti spazzoliamo il nostro piatto, quello del vicino e tutta la pentola. Oltre la versione classica, che può essere con la vaniglia, con la scorza di limone o un paio di grani di caffè, mi piace molto utilizzare spezie ed erbe aromatiche, la mia preferita è l’erba Luigia. A Modena dai suoceri ho un cespuglio che sembra un baobab, ma adesso non posso andare a prenderla quindi uso la menta (ringraziamo la moda del Mojito perché l’ha resa facile da reperire) che mi avanza dalla preparazione dell’agnello cacio e ova.

INGREDIENTI:

  • 2 uova + 2 tuorli
  • 100g di zucchero
  • 20g di farina
  • 1L di latte intero
  • 1 pizzico di sale
  • 1 rametto di menta o altra erba aromatica

Mescolate le uova con lo zucchero, la farina e il pizzico di sale. Nel frattempo mettete a scaldare sul fuoco il latte con il rametto di menta leggermente pestato con un mortaio. Quando il latte sarà tiepido filtratelo e unitelo, poco alla volta, al composto di uova. Mescolate velocemente per evitare che l’uovo si cuocia,quando avrete incorporato tutto il latte, rimettetelo sul fuoco a fiamma bassa e mescolate continuamente, partendo dal centro verso l’esterno e vice versa, fino alla consistenza desiderata. Una volta pronta copritela con la pellicola, non sul pentolino ma a contatto con la crema, in modo che non faccia la crosta a contatto con l’aria.Usate un polsonetto antiaderente con fondo e pareti spesse.

Per fare la crema ci vuole pazienza, non serve mettere tanta farina, la crema risulterebbe pesante. Non sostituite la farina con la maizena o la fecola, vi ritrovereste una crema appiccicosa e in bocca lascerebbe una fastidiosa patina di amido, potete usare la farina di riso per avere una crema liscia e leggera.Mettete la vostra musica preferita o accendete la televisione (attenzione però a non perdere di vista la crema). Le prime volte utilizzate il fuoco più piccolo con la fiamma più bassa, quando ci avrete preso la mano, un po’ alla volta, potete prima alzare la fiamma e poi anche passare ad un fuoco più grande.

Vedrete che in meno di 20 minuti la crema sarà pronta. Se per caso la crema si dovesse attaccare e fare dei grumi, non fatevi prendere dal panico. Toglietela dal fuoco, prendete una frusta e mescolate velocemente fino allo scioglimento di tutti i grumi; in alternativa usate il frullatore ad immersione, ma attenzione, se stressate l’amido poi “fa la colla” quindi non abusatene.Se volete usare le erbe aromatiche vi consiglio di pestarle leggermente con un mortaio e lasciarle in infusione nel latte per qualche ora per avere un aroma più intenso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *